A cosa serve il Conto Termico

Il conto termico è stato creato per favorire tutti coloro che passano dalla produzione di energia da fonti non rinnovabili, come ad esempio il metano, ad una produzione che utilizzi invece fonti rinnovabili o che garantisca un maggiore risparmio energetico. Inoltre, il conto termico prevede degli incentivi per l’installazione di:

  • Pannelli solari termici
  • Caldaie a condensazione
  • Stufe a biomassa o a pellet
  • Pompe di calore.

Come funziona?

Una volta inviata la domanda per il conto termico, il GSE (Gestore dei Servizi Energetici) ha 60 giorni di tempo per approvarla, decidere di richiedere informazioni più dettagliate o rigettarla. Le domande, poi, vengono accettate fino ad esaurimento contributi. L’importo dipende da vari fattori: nel caso dell’installazione di pannelli solari, si tiene conto dei metri quadrati dei pannelli. Viste le differenze climatiche sul territorio italiano, poi, gli incentivi che vengono erogati sono suddivisi anche su base geografica per mezzo di fasce ben delineate.

In generale, gli incentivi previsti dal conto termico vanno dal 40 al 65% della spesa sostenuta e sono cumulabili con altri incentivi non statali. L’obiettivo primario è quello di garantire sostenibilità, sicurezza e competitività nel sistema energetico italiano, a partire dal 2012. Negli anni, i parametri sono stati modificati, semplificando i meccanismi per accedere agli incentivi, ampliando la classe di interventi che rientrano tra gli idonei per ricevere il bonus, aumentando gli incentivi per il solare termico e le dimensioni massime degli impianti ammissibili. Inoltre, se prima bisognava aspettare sei mesi per ricevere gli incentivi, ora le tempistiche sono state accorciate a due mesi.

Chi può richiederlo e come?

Il Conto Termico si riferisce sia a soggetti privati che alla pubblica amministrazione. I privati possono accedere agli incentivi tramite un contratto di servizio energia, mentre le amministrazioni pubbliche possono servirsi semplicemente della sottoscrizione di un contratto di prestazione energetica. La richiesta diretta degli incentivi deve avvenire tramite l’applicativo informatico Portaltermico, entro e non oltre 60 giorni dalla data in cui i lavori di intervento sono terminati.